MANUALE CONTRO LE DISCRIMINAZIONI “DI PESO”

Francesco Baggiani, P(r)eso di mira. Pregiudizio e discriminazione dell’obesità, Firenze, Edizioni Clichy, 2014, euro 18.00

Dare a qualcuno del “negro” o del “finocchio” è considerato politicamente scorretto dalla maggior parte della nostra società. Ma dare del “grasso” e del “ciccione” a qualcuno è ancora considerato accettabile, un incentivo a farlo dimagrire nel migliore dei casi. In questo bel volume Francesco Baggiani ci spiega come la derisione delle persone obese nella società occidentale sia pervasiva, dai fumetti ai films alla televisione. Eppure è lo stesso sistema economico capitalistico che ci impone ideali di bellezza impossibili e prodotti per il dimagrimento non sempre così necessari che ci sommerge di messaggi a favore di cibi poco sani e di consumi non raccomandabili.
L’obesità è trattata, in primis dai medici che dovrebbero tentare di affrontarla, come un problema di “poca volontà” e di “pigrizia” dell’individuo, ignorando che il 95% delle diete è destinata, dopo un effimero successo iniziale, al fallimento. Fingendo di non sapere che l’obesità è dovuta a fattori complessi, genetici, ormonali, psicologici e che spesso, al di là della volontà, è irreversibile.
Un libro contro i pregiudizi e la violenza, un libro anche per i genitori che non comprendono fino in fondo il loro ruolo educativo.
Pecca del testo: la solita banalizzazione dell’etica protestante del lavoro come spinta esasperata all’autoaffermazione, con le solite banalità uscite dalla penna di Weber e di fondamentalisti all’americana. Ma ci siamo ormai abituati a queste banalità e il libro, quando non entra nel campo religioso, è valido. Da leggere assolutamente.

Andrea Panerini

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*