LA CATALOGNA SI È PROCLAMATA INDIPENDENTE, SOTTO FORMA DI REPUBBLICA

BARCELLONA (CATALOGNA) – Il Parlamento catalano ha oggi, alle ore 15:27, approvato una proposta presentata dalla maggioranza parlamentare indipendentista (Junt pel Si e CUP) per iniziare un processo costituente che porti alla creazione di una Repubblica catalana indipendente. Di fatto, ha dichiarato la Catalogna indipendente, anche se formalmente la mozione riguarda le conseguenze di una eventuale dichiarazione (un modo ingegnoso per cercare di evitare guai legali). Alcuni dei partiti catalani non indipendentisti – il PP (Partito Popolare), il PSC (Partito socialista catalano) e Ciudadanos – sono usciti dall’aula al momento del voto perché hanno ritenuto la proposta illegale.
Dopo poche ore il Senato spagnolo ha approvato le misure relative all’applicazione dell’articolo 155 della Costituzione, quello che consente allo stato di obbligare una Comunità autonoma (come la Catalogna) a rispettare la legalità della Costituzione del 1978. Tra le misure approvate, c’è la rimozione di tutti i membri del governo catalano dal loro incarico e la riduzione dei poteri del Parlamento. Le misure dovranno essere approvate ora dal Consiglio dei ministri spagnolo: succederà oggi o domani mattina.
La procura generale spagnola (Fiscalia) ha fatto sapere che in caso di dichiarazione d’indipendenza il presidente catalano Carles Puigdemont e altri membri del governo e del Parlamento sarebbero stati accusati di “ribellione”, un reato che prevede fino a 30 anni di carcere. Per il momento non ha ancora comunicato cosa farà.
C’è il fondato timore, a prescindere dalle posizioni circa la legalità dell’indipendenza catalana, che il governo conservatore di Rajoy usi nuovamente la forza per la seconda volta dopo i fatti dello scorso 1° ottobre. Morti e feriti sarebbero una sciagura e non farebbero altro che aumentare la simpatia dell’opinione pubblica internazionale (per i palazzi del potere tutto ciò è “una questione interna alla Spagna”) verso il popolo catalano e la sua richiesta di democrazia ed indipendenza.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*