PRIMA SCONFITTA ELETTORALE DELL’ERA TRUMP

WASHINGTON (USA) – I democratici si aggiudicato gli stati del New Jersey e della Virginia, e con la rielezione del sindaco De Blasio mantengono New York, città di provenienza del presidente repubblicano. E’ la prima vera vittoriale elettorale dei democratici dal 2012, scrive oggi il New York Times, ed è significativa la sconfitta in Virginia, stato tradizionalmente conservatore e del profondo Sud, dove la destra “Trump-style” evidentemente non è piaciuta. Qui ancora prevale una iconografia sudista e confederata e Obama non è mai piaciuto ma i suoi cittadini hanno mandato un messaggio anche all’uomo d’affari Trump. Ed è ancora dalla Virginia che arriva una importante novità per le minoranze: qui è stata eletta, per la prima volta in un Parlamento statale, una persona transgender, la democratica Danica Roem, 33 anni.
In New Jersey vince invece Philip. D. Murphy, considerato di sinistra solo formalmente, visto che è un ex dirigente della Goldman Sachs e in questo l’area progressista e di sinistra negli Stati Uniti continua, nonostante le vittorie locali, a non avere una precisa linea. Quella socialista di Bernie Sanders sembra ben lungi dal trionfare, soprattutto tra i dirigenti.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*