LA CHIESA PROTESTANTE UNITA INDICE UNA SERATA DI PREGHIERA PER IDY DIENE, SENEGALESE UCCISO DALLA FOLLIA RAZZISTA A FIRENZE

FIRENZE – Venerdì 9 marzo alle ore 21 presso la Società “L’affratellamento” di Via G.P. Orsini, 73 (zona Gavinana) avrà luogo una veglia di preghiera per commemorare Idy Diene, l’uomo senegalese ucciso da un folle razzista italiano lo scorso 5 marzo sul ponte Amerigo Vespucci nel pieno centro di Firenze. La veglia è organizzata dalla Chiesa Protestante Unita «Agape» di Firenze.
«Siamo sconvolti e immensamente tristi che un fatto del genere sia potuto accadere nella nostra città – dice Andrea Panerini, pastore della Chiesa Protestante Unita di Firenze e Decano nazionale della stessa confessione – e proprio per testimoniare la nostra vicinanza alla comunità senegalese e africana abbiamo voluto indire questa serata di preghiera per commemorare Idy e contro tutti i razzismi. Anche nella nostra città è passato il messaggio che il problema sono gli ultimi tra gli ultimi, gli immigrati e non il capitalismo internazionale, il fatto che 8 persone detengano la ricchezza e le risorse di metà del pianeta, una classe politica inetta e corrotta. Proprio nel mese che si avvia a commemorare il cinquantesimo anniversario dell’uccisione di Martin Luther King (la Chiesa Protestante Unita ha organizzato un convegno per la sera del prossimo 5 aprile, ndR) come cristiani e cristiane dobbiamo mandare un forte messaggio contro la violenza, il razzismo e ogni forma di discriminazione con cui l’uomo esclude l’uomo dal Creato indiviso di Dio.»

2 thoughts on “LA CHIESA PROTESTANTE UNITA INDICE UNA SERATA DI PREGHIERA PER IDY DIENE, SENEGALESE UCCISO DALLA FOLLIA RAZZISTA A FIRENZE

  1. Oggi 4 marzo, giornata degli Oscar 2018, è anche l‘anniversario dell’uscita al cinema di Zootropolis, e il regista Byron Howard ha detto che posterà sul suo canale Twitter qualcosa di speciale per commemorare l’occasione.

  2. Anche nei minuti di silenzio negli stadi quando viene commemorato un lutto parte un applauso, in quel caso non è irrispettoso, anzi un modo rispettoso per salutare e rendere omaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *