SCISSIONE NEL MONDO LESBICO: DALLA MINORANZA DI ARCILESBICA NASCE ALFI

Nasce Alfi (Associazione di lesbiche e femministe italiane) con un scissione promossa dalla minoranza sconfitta nell’ultimo Congresso nazionale di Arcilesbica del dicembre 2017 e che considera la linea politica della storica associazione lesbica come «una svolta integralista» che «ha portato ad un vero e proprio esodo da parte dei suoi circoli». Lo scontro si è attivato sulla posizione da tenersi circa la Gravidanza per Altri (Gpa) conosciuta come “utero in affitto” che ha visto Arcilesbica dissociarsi dal resto del Movimento LGBTQ favorevole a questa pratica che sta provocando molti accesi dibattiti nella società, nell’associazionismo e anche nelle Chiese.
Le prime adesioni raccolte sono quelle dei Circoli Le Maree Napoli, Omphalos Perugia, Lesbiche XX Bergamo e Lesbiche Unite del Nord-Est, ovvero 4 circoli sui 16 che l’Associazione dichiarava prima dell’ultimo Congresso.
Il comunicato spiega: «Un progetto che ha preso vita lo scorso dicembre 2017 e si è concretizzato grazie ad un percorso condiviso delle realtà sopra elencate con la costituzione di un’Associazione Nazionale, in grado di presentare le proprie istanze alle Istituzioni e all’interno del movimento LGBTI e del mondo femminista in maniera coordinata, e perciò più efficace».
Noi come cristiani e come parte critica del movimento LGBTQ, non possiamo che dimostrare la nostra preoccupazione per l’ennesima scissione e per l’isolamento in cui è stata messa una storica associazione con cui certo non condividiamo tutte le idee ma che rappresenta una utile e fertile diversità nella società proprio su un tema controverso e che va incontro al conformismo filo-capitalista come la Gpa.

a.p.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*