VERGOGNOSI GENITORI CONTRARI AI VACCINI: CARTELLO PORTATO DA UN BAMBINO «UN BAMBINO CON L’AIDS PUÒ ANDARE A SCUOLA E IO NO?»

Un bambino portato a manifestare contro le vaccinazioni obbligatorie con addosso un cartello recante la scritta: “Un bambino con l’AIDS può andare a scuola e io sano no???”. Un’immagine incommentabile e sconolgente quella che il medico Roberto Burioni (noto proprio per i suoi interventi sui social contro la disinformazione in materia di vaccini) ha condiviso su Facebook per denunciare gli eccessi, purtroppo non così infrequenti, a cui giunge la protesta no-vax, autentico fenomeno da contagio emotivo nei giorni nostri, “eccessi che sovente sfociano nella crudeltà alimentata dalla più profonda ignoranza dei temi trattati e da un abisso di egoismo e mistificazione, commenta il pastore Andrea Panerini, Decano della Chiesa Protestante Unita. Il medico ha commentato lo scatto, spiegando l’irragionevolezza e la bestialità del parallelismo, scrivendo:

“La propaganda antivaccinista fa davvero uscire il peggio del nostro paese. Una delle frasi che ho sempre sentito è: perché un bambino con l’AIDS può entrare a scuola e mio figlio non vaccinato deve rimanere fuori?
La risposta è semplice: il bambino (e l’adulto) affetto da HIV non è un pericolo per nessuno visto che la malattia non si trasmette con i contatti sociali. Al contrario chi è immunodepresso – per qualunque motivo – beneficia della immunità di gregge, che perdiamo a causa dei genitori che non hanno vaccinato e non vaccinano i figli. Discriminare un bambino o un adulto perché infetto da HIV è una infamia delle peggiori. Di peggio c’è solo usare il proprio figlio per propagandare questa orrenda discriminazione.”

In risposta agli svariati commenti degli antivaccinisti infervorati e persuasi dal confronto coi bimbi sieropositivi, Burioni nei commenti ha aggiunto: “Chi non sa nulla di HIV può pure astenersi dallo scrivere scemenze”, e dopo una serie di ban rifilati ai critici più accaniti ha precisato: “Scusate ma chi si affaccia su questa pagina con il tono “tanto l’immunodepresso deve morire” viene cacciato con la velocità della luce.”
Non si può che essere sconvolti e amareggiati nel vedere come i malati di Hiv siano ancora trattati da lebbrosi mentre si negano ai bambini vaccini che hanno debellato o tenuto sotto controllo terribili malattie per le quali non più di cinquant’anni fa esistevano alti indici di mortalità.

1 Commento

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*