IL PASTORE DELLA CELI KRUSE: «PRIMATO ECUMENICO DEL PAPA». PANERINI (CPU): «NON NEL NOSTRO NOME: IL CAPO DELLA CHIESA È CRISTO»

ROMA – Il pastore luterano tedesco (CELI) di Roma, Jens-Martin Kruse, è stato ricevuto lo scorso 11 gennaio da Papa Francesco in Vaticano, come riporta l’agenzia di stampa cattolica Vatican News con tanto di intervista audio a Kruse in cui il pastore, originario di Amburgo, riconosce a Bergoglio un “primato ecumenico” parlando del “coraggio” del vescovo di Roma nel proseguire nella “via ecumenica”.

«L’intervista di questo importante membro della CELI (la Chiesa luterana tedesca in Italia) circa l’incontro con il Papa – ha dichiarato il Rev. Andrea Panerini, Decano nazionale della Chiesa Protestante Unita – rasenta la bestemmia e l’apostasia dalla fede evangelica. Non solo il tono dell’intervista parrebbe eccessivo persino a un papa-boy, ma attribuire al Papa un qualsivoglia primato ecumenico contraddice la Scrittura che ci dice che Cristo è il solo Capo della Chiesa e che Lui solo ha il Primato. Noi, come cristiani e protestanti, seguiamo quello che ci dice la Parola di Dio e non quello che ci viene indicato da strutture di potere. E’ uno strano modo di finire le celebrazioni del cinquecentenario della Riforma: Lutero per primo ha smentito un qualsiasi ruolo, ecumenico e non, del vescovo di Roma, arrivando a definirlo come l’Anticristo, espressione molto forte e, forse, anche eccessivamente polemica. Ma il pastore Kruse ci rammenta, dall’altro lato, dove possano finire per piaggeria – conclude Panerini – alcuni “storici” esponenti evangelici che di protestante ormai non hanno che il nome.»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *