APPICCATO INCENDIO ALLA CHIESA BATTISTA DI VARESE

VARESE – Verso le 5 del mattino di domenica 7 ottobre, mentre il buio avvolgeva ancora ogni cosa, ignoti si sono introdotti nei locali sussidiari della chiesa battista di via Verdi a Varese. Hanno rubato tastiere, mixer, microfoni e altre attrezzature tecnologiche. Poi, hanno appiccato il fuoco, che ha messo fuori uso l’impianto elettrico e bruciato ogni cosa.
Il locale di culto non è stato direttamente interessato dal fuoco, ma i fumi hanno annerito tutte le pareti e il calore ha infranto tutti i vetri. «I locali sono completamente inagibili e i danni ancora da quantificare – si legge in un post lasciato sulla bacheca Facebook della Chiesa evangelica battista di Varese – Abbiamo potuto solo constatare con quanta barbarie i malintenzionati siano intervenuti all’interno della nostra cara chiesa. La polizia, i pompieri e la scientifica sono prontamente intervenuti. Da domani, tutte le verifiche e la denuncia dei fatti presso la questura di Varese. Vi chiediamo sostegno e preghiere in questo momento tanto difficile per la nostra comunità».
«Siamo rimasti tutti molto colpiti – dice al telefono Erasmo Nocco, membro del Consiglio della chiesa di Varese, tra i primi ad accorrere sul luogo dell’accaduto – Per fortuna non c’erano tantissime cose che potevano bruciare, è andato a fuoco un mobiletto con tutto il materiale della scuola domenicale. Il caldo che si è sprigionato ha fatto rompere i vetri delle porte cosicché la fuliggine ha raggiunto il locale di culto, la cucina, e la stanza della scuola domenicale; il fumo nero è arrivato anche al piano superiore dove c’è la casa pastorale, attualmente vuota. Questo è quello che abbiamo visto. Eravamo tutti scossi e abbiamo voluto avere un momento di preghiera fuori dalla chiesa, mentre dentro c’erano la polizia, la scientifica e i vigili del fuoco che svolgevano il loro lavoro”.
Non sono ancora chiare le ragioni dell’incendio doloso. La chiesa battista ospita nei suoi locali la chiesa ghanese e tra i suoi membri ha il dr. Andi Nganso, il medico originario del Camerun rifiutato da una paziente perché “nero”. Che ci sia un movente di matrice razzista dietro questo atto violento? Al momento non c’è alcun elemento che possa avvalorare questa ipotesi», lasciando agli inquirenti l’interrogativo.
«Condanniamo con fermezza l’incendio doloso che ha colpito la comunità #battista di #Varese – ha scritto il Decano nazionale della Chiesa Protestante Unita, rev. Andrea Panerini in un messaggio ripreso dai social network al Presidente del Comitato Esecutivo dell’UCEBI (Unione delle Chiese Evangeliche Battiste in Italia), dr. Giovanni Arcidiacono. Esso colpisce tutte le minoranze religiose nel nostro paese, la nostra preghiera va ai fratelli e alle sorelle di Varese che si trovano a gestire una situazione sociale, economica e politica molto difficile.»
La Pagina Cristiana aderisce all’invito per dedicare offerte e collette domenicali per la Chiesa battista di Varese, da accreditare sul conto corrente dell’Unione (intestato a Ente Patrimoniale dell’Ucebi, IBAN: IT31S0100503215000000000008; causale: per la chiesa di Varese).

Fonti: © Nev,  © Ufficio Stampa Nazionale Chiesa Protestante Unita




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *